informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Ricette calabresi: ecco le migliori da provare assolutamente

Commenti disabilitati su Ricette calabresi: ecco le migliori da provare assolutamente Studiare a Crotone

La cucina italiana non ha bisogno di presentazioni. Le ricette calabresi sono una parte consistente del patrimonio culinario della penisola. Il sud Italia è rinomato in tutto il mondo per i suoi piatti saporiti. I profumi e gli aromi di queste prelibatezze fanno sognare. In questo articolo celebriamo la ricchezza della cucina calabrese invitandoti a provare queste eccezionali preparazioni.

Crespelle calabresi con le alici

Questa ricetta è tipica della Calabria, ma si può trovare in diverse varianti in altre zone meridionali dello stivale. I calabresi chiamano il piatto “i crispeddi ca lici” e amano assaporarlo durante la vigilia di Natale. La ricetta si tramanda da generazioni, solitamente sono le madri a insegnare alle figlie i loro segreti per una pasta morbida e fragrante. C’è chi preferisce la lievitazione naturale con lievito madre e chi preferisce il lievito di birra, ma una volta che la pasta è cresciuta tutti sono concordano sul fatto che debba friggere in abbondante olio caldo. Prima della frittura un’acciuga viene inserita all’interno per dare ancora più sapore. Ideale per accompagnare formaggi e salumi.

Frittelle o polpette di melanzane alla calabrese

La sola idea di dieta mediterranea evoca uno scenario di cibi salubri e freschi. Ma non è sempre così, e fortunatamente. Alla gente del sud piace la cucina sostanziosa, le preparazioni abbondantemente condite, i sughi in cui intingere la famosa scarpetta.

In Calabria il sole è generoso e il clima mite. Gli orti sono rigogliosi e tutti gli ortaggi crescono in quantità. Un prodotto tipico calabrese largamente apprezzato è la melanzana, ingrediente di base della ricetta della “purpetta i milangiani”. Si tratta di una frittella fatta con pane raffermo, formaggio pecorino e uova. Le varianti più strong prevedono l’aggiunta di carne macinata e altri formaggi, ad esempio provola. Vengono profumate con l’aggiunta di basilico e ovviamente fritte.

Maccheroni al sugo di capra

cosa mettere in un antipasto calabreseUna ricetta “antropologica”, che racconta la cucina calabrese dell’area grecanica in provincia di Reggio Calabria. Questi maccheroni sono rigorosamente fatti a mano, come vuole la tradizione. Gli ingredienti sono:

  • Farina
  • Acqua
  • Sale

Semplice, no? Questi soli ingredienti bastano per creare l’impasto da cui si ricava un formato di pasta arricciata, che cattura il sugo e lo trattiene alla perfezione. La particolare preparazione di questa ricetta è rimasta in mano alle donne, conoscitrici della precisa successione dei movimenti necessari per ottenere la caratteristica forma.

Il sugo dev’essere obbligatoriamente di capra, così si è sempre condita questo tipo di pasta, da insaporire con spolverate di formaggio di capra e l’immancabile peperoncino. Un sapore intenso che racconta la storia della Calabria e la connessione delle sue genti con la terra.

Peperoni e patate

Il vero nome è “pipì e patati fritti”. Siamo nel campo dei contorni, delle verdure, ma ancora non ci discostiamo dal fritto. L’olio d’oliva è il protagonista, uno dei prodotti tipici della Calabria più apprezzati dai locali e anche oltre confine. La semplicità vince su tutto, due soli ingredienti e una preparazione che non necessita di particolari doti da chef.
Sarà sufficiente riempire la padella di olio, lasciarlo scaldare e immergervi i peperoni tagliati a strisce non troppo sottili. A frittura ultimata si aggiunge altro olio e si friggono le patate precedentemente tagliate. Il tutto verrà poi unito e condito con sale e se si preferisce un aroma più convincente con dell’origano. Piatto perfetto per l’estate e l’autunno.

Cicoria con mollica di pane e pecorino

La cicoria alla calabrese prevede l’utilizzo del formaggio e del pane. L’origine di questa ricetta si perde nella storia della cucina “povera”, quella dei contadini di un tempo. Questi ingredienti erano ciò di cui potevano disporre i pastori per prendere energia dal cibo e la facilità con cui potevano dar vita ad un piatto prelibato stupisce ancora oggi i palati più sopraffini. La cicoria veniva raccolta durante i mesi in cui si accompagnavano le vacche al pascolo. La preparazione prevedeva di ripassarla per renderla più appetitosa. Lo si faceva con quello che si aveva: pane raffermo e un po’ di pecorino. Il risultato era così delizioso da meritare la fama della ricetta fino ai nostri tempi, in cui non è la povertà a richiedere che la si porti a tavola, ma il desiderio di una cucina tradizionale, sana e genuina.

Alici arriganate

I sapori della Calabria sono indimenticabili. Chi assaggia i piatti tipici della regione ne resta esterrefatto. Uno dei piatti più amato dai visitatori è senz’altro le “alici e pipi iuschenti”. Questo pesce viene soffritto in olio d’oliva aromatizzato con uno spicchio d’aglio e una spruzzata di aceto. Poco prima di spegnere il fuoco si aggiunge origano e piccante. La presenza del “pepe rosso” in Calabria è davvero consistente, fa parte di molte preparazioni ed è un tratto distintivo che contraddistingue questa cucina da quella delle altre regioni. La migliore tradizione calabrese è fatta di sapori decisi, apprezzati da chi ama le esperienze intense.

Baccalà con pomodorini e olive nere

Alla base di alcune ottime ricette della regione Calabria troviamo il baccalà. Questo ingrediente è tipiso soprattutto nella provincia di Reggio Calabria. Le ragioni della sua presenza sono antiche, infatti già nel Cinquecento questo pesce giungeva in Calabria da Napoli, diretto precisamente a Mammola, che infatti portava il nome di “paese dello stocco” in quanto era la località in cui veniva lavorato e poi venduto.

Il vantaggio del baccalà è duplice: saporito ed economico. Per questo è stato inglobato in moltissime varianti di ricette. Questa prevede la frittura del baccalà e la preparazione di un semplice sugo di pomodorini e olive nere a parte. A cottura ultimata le due preparazioni vengono unite per dare vita ad un connubio di sapori davvero squisito.

Melanzane ripiene

Abbiamo già detto che le melanzane sono una delle eccellenze e dei prodotti tipici che si possono trovare sulla tavola di una qualsiasi cena calabrese preparate in vari modi diversi. Spesso troviamo i “mulingiani chijini” soprattutto d’estate, stagione in cui questo ortaggio fa la sua comparsa nelle ricette. Un aneddoto interessante è la derivazione araba della parola “mulingiani” con l’arabo “al-badingian”, a testimoniare il fatto che l’arrivo dal Medio Oriente fino al Mediterraneo fu un enorme regalo anche per la Calabria.

Che si tratti di una ricetta che prevede la frittura non c’è neanche bisogno di dirlo. Qualcuno sostiene che vengano bene anche al forno, ma diffidate da coloro che sostengono questa tesi. Diffidate dalle imitazioni. Le melanzane ripiene sono fritte e basta. Dentro questo scrigno di melanzana si nasconde il ripieno di pan grattato e formaggio e passata di pomodoro, che prevede tre varianti:

  • Con carne macinata
  • Con acciughe, capperi e olive triturate
  • Senza passata di pomodoro

Qual è la tua preferita?

La pitta ‘mpigliata

secondi di carne calabresiDolce natalizio e pasquale, ogni scusa è buona per mangiare questa leccornia. Una sfoglia di grano che accoglie l’uva passa e la frutta secca, come mandorle e noci. Una spolverata di cannella e del Vermut aggiungono ancora più sapore a questo dolce tipico di San Giovanni in Fiore e di tutta la provincia di Cosenza. Anche in questo caso la parola “pitta” deriva dall’arabo “pita” che si potrebbe tradurre con “schiacciata”. Si dice che la storia di questa ricetta risalga al 1700, come conferma un documento che ne parla, datato 1728.

Un dolce tipico silano che non può mancare in questa lista e che chiude questo articolo in bellezza.

Speriamo di averti dato molti spunti per preparare una cena o un pranzo calabrese, per invitare a casa qualche amico dell’università e mostrare le tue doti culinarie con la preparazione di ricette regionali. Buon appetito!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali