informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Conviene la magistrale in psicologia? Le ragioni del sì

Commenti disabilitati su Conviene la magistrale in psicologia? Le ragioni del sì Studiare a Crotone

Se ti stai chiedendo conviene la magistrale in psicologia, avrai sicuramente terminato o starai per terminare la triennale. L’indecisione sul futuro è normale. Quando la scelta è così importante è meglio fare una lista di pro e contro. In questo caso specifico, per esempio, uno degli aspetti da tenere in considerazione è quello lavorativo. La difficoltà degli esami della laurea specialistica, infatti, è un elemento importante ma secondario, visto che comunque hai già una preparazione in materia. Ti proponiamo una piccola guida per aiutarti a fare chiarezza e a decidere quale percorso intraprendere.

Conviene la magistrale in psicologia? Sì, se vuoi fare lo psicologo

Al termine del corso di triennale in psicologia L-24 non potrai ottenere il titolo di psicologo. Avrai cioè la qualifica di tecnico in scienze psicologiche, denominazione introdotta nel nostro ordinamento con l’articolo 3 della legge numero 170 del 2003. 

Cosa significa? In passato esisteva la figura dello psicologo junor che, oggi, è stata sostituita dal dottore in tecniche psicologiche. In poche parole, si tratta di un professionista abilitato a svolgere solo determinate attività, con la supervisione di uno psicologo senior. Tra i compiti previsti sono inclusi:

  • partecipazione alla programmazione e alla verifica degli interventi psicologici e psico-sociali
  • realizzazione di interventi psico-educativi tramite colloqui, interviste e osservazioni
  • somministrazione di test psicologici e di altri strumenti di analisi, ma solo a scopo di valutazione della personalità, dei comportamenti e dei processi cognitivi (non è prevista cioè la somministrazione di test diagnostici)
  • raccolta ed elaborazione statistica di dati per le ricerche

Come puoi capire dall’elenco qui sopra, si tratta di un ruolo diverso da quello dello psicologo, per il quale è necessario il conseguimento della laurea magistrale. Tra l’altro, per diventare dottore in scienze e tecniche psicologiche dovrai comunque completare un tirocinio di sei mesi e sostenere l’esame di stato per l’iscrizione all’albo professionale di categoria alla sezione B. 

Qualche info su come diventare psicologo

Se vuoi fare lo psicologo, non puoi avere dubbi: conviene la magistrale in psicologia. Dopo aver completato i due anni e conseguito la laurea, il tuo percorso non è concluso perché dovrai:

  • svolgere un tirocinio professionalizzante della durata di 12 mesi
  • sostenere l’esame di Stato
  • iscriverti all’albo professionale alla sezione A

Sei hai concluso l’università in corso e sei riuscito a svolgere subito il tirocinio, potrai sostenere il tuo esame di stato a circa 26 anni.

L’esame di Stato prevede due prove scritte, una prova applicativa e un colloquio orale. La prova applicativa, in particolare, consiste nella discussione scritta di una traccia proposta dalla commissione e riguardante un caso. Ti verrà chiesto cioè di:

  • stabilire il percorso per inquadrare il caso
  • elaborare un’ipotesi diagnostica
  • indicare a grandi linee le priorità di intervento per contrastare/ridurre le criticità del caso

Per capire meglio in cosa consiste la prova applicativa, leggi la traccia qui sotto proposta in una delle prove passate:

Luigi ha 12 anni e frequenta la seconda media. Pur non avendo alcun disturbo dell’apprendimento, ha un rendimento scolastico scarso. A scuola chiacchiera continuamente con i compagni, interrompe spesso l’insegnante e quando vuole uscire dalla classe e l’insegnante non glielo permette, agisce d’impulso ed esce ugualmente. Luigi riferisce che i compiti e le materie scolastiche non lo interessano e che si annoia spesso…

In caso di esito positivo dell’esame di stato, potrai iscriverti all’albo professionale degli psicologi alla sezione A e iniziare la tua carriera, aprendo uno studio tutto tuo o lavorando come dipendente di scuole, associazioni, aziende e così via.

Perché scegliere la magistrale in psicologia? Per fare lo psicoterapeuta

Ti piacerebbe fare lo psicoterapeuta? Allora nel tuo caso non hai scelta: conviene la magistrale in psicologia.

Il percorso per diventare psicoterapeuta, infatti, è abbastanza complesso e prevede le seguenti tappe:

  • conseguimento della laurea magistrale in psicologia
  • tirocinio di 12 mesi
  • esame di stato con iscrizione alla sezione A dell’albo professionale
  • iscrizione a una scuola quadriennale di specializzazione
  • tirocinio pratico di psicoterapia in apposite strutture convenzionate

Tassi occupazionali della laurea magistrale

I dati occupazionali della magistrale in psicologia sono molto confortanti. Secondo la ricerca pubblicata da AlmaLaurea nel 2018, l’82,5% dei laureati ha trovato un’occupazione stabile a cinque anni di distanza dal conseguimento del titolo.

Il 32,1% ha un contratto a tempo indeterminato, mentre il 35,2% è impegnato in attività da libero professionista. Dal punto di vista professionale, inoltre, la situazione è indubbiamente positiva, perché il 42,4% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare molte delle competenze acquisite durante il percorso universitario.

Un’altra ricerca condotta nel 2011 sui titoli sia triennali che magistrali, invece, mostra la differenza esistente tra i tassi occupazionali garantiti dai due livelli di laurea. Secondo l’indagine, infatti, a quattro anni dalla fine del percorso universitario lavora il 54,4% dei laureati triennali e  il 77,1% di quelli magistrali.

Come puoi vedere, nel tempo la percentuale di occupati è persino migliorata. Dal 2011 al 2018, infatti, c’è stato un innalzamento dei livelli occupazionali per i laureati magistrali pari a un buon +5%. 

In realtà, la ricerca condotta nel 2011 è interessante anche per l’aspetto delle tempistiche, vale a dire per il numero di mesi che intercorrono tra il conseguimento del titolo e l’inserimento nel mondo del lavoro. I laureati triennali in psicologia hanno dichiarato di aver atteso 38 mesi prima di trovare l’occupazione svolta al momento dell’intervista. I laureati magistrali, invece, hanno riferito di tempi di ricerca pari a una media di circa 28 mesi.

Tirando le somme, conviene la magistrale in psicologia anche dati alla mano. Il titolo specialistico, infatti, garantisce maggiori opportunità occupazionali e una riduzione dei tempi per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Laurea magistrale in psicologia: le opzioni di scelta

Sei ancora indeciso? A questo punto ti conviene dare un’occhiata alle materie della magistrale per riuscire a fare la tua scelta. 

Leggi su Unicusano psicologia il piano di studio e prova a capire quale specialistica ti piacerebbe seguire. La magistrale, infatti, ti offre la possibilità di intraprendere un percorso ancora più specifico e di assecondare meglio le tue inclinazioni personali e i tuoi desideri professionali. Potresti, per esempio, valutare i seguenti indirizzi:

  • Psicologia del lavoro e delle Organizzazioni (LM-51)
  • Psicologia dello sviluppo tipico e atipico (LM-51)

Laurea magistrale in psicologia del lavoro e delle organizzazioni

Questo particolare indirizzo di studi ti fornisce la preparazione necessaria a svolgere la professione di psicologo del lavoro. Potrai così trovare impiego nel reparto risorse umane di aziende pubbliche e private, in società di orientamento al lavoro, in aziende di coaching e in studi specializzati nella consulenza per il lavoro.

Il piano di studi prevede esame specifici come:

  • organizzazione aziendale
  • psicologia dei gruppi
  • sociologia dei processi economici e del lavoro
  • psicologia delle organizzazioni

Laurea magistrale in psicologia dello sviluppo tipico e atipico

Questa laurea biennale è incentrata sulle neuroscienze cognitive e sulla neuropsicologia dello sviluppo e ti permette di lavorare con bambini e adolescenti.

Il piano di studi include esami come:

  • psicologia dei processi cognitivi ed emozionali
  • psicodinamica delle relazioni familiari e sostegno alla genitorialità
  • psicologia dei disturbi del neurosviluppo: valutazione e modelli di intervento evidence based
  • psicologia dell’emergenza: sostegno al bambino, alla famiglia e alla scuola
  • psicologia della salute nei contesti pediatrico e scolastico: tecniche di assessment e intervento

Come puoi vedere dal confronto tra i due piani di studi, si tratta di indirizzi molto diversi che ti preparano a due professioni dotate di competenze e obiettivi differenti.

Cosa ne pensi: ti sei convinto del fatto che conviene la laurea magistrale in psicologia?

Credits immagine: DepositPhoto.com/Jirsak

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali