informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

In quanto tempo si prepara scienza delle costruzioni?

Commenti disabilitati su In quanto tempo si prepara scienza delle costruzioni? Studiare a Crotone

Ti stai chiedendo in quanto tempo si prepara scienza delle costruzioni? Purtroppo, questo esame è diventato negli anni la bestia nera della facoltà di ingegneria. È cioè uno di quegli esami considerati difficili da tutti gli studenti che, il più delle volte, preferiscono rimandarlo alle sessioni successive.

Si tratta, però, di una delle materie fondamentali che è presente nei piani di studio di tutte le varie branche dell’ingegneria, da quella civile a quella meccanica. Vediamo insieme di quanto tempo avresti bisogno per studiare come si deve scienza delle costruzioni.

Studiare scienza delle costruzioni: di quanto tempo ho bisogno?

Ogni studente ha il suo metodo di studio e i suoi tempi di apprendimento. Questo significa che non c’è un tempo standard valido per tutti in cui si può preparare l’esame di scienza delle costruzioni.

Possiamo, però, darti una media in base all’esperienza degli ex studenti. Come sai, questo esame prevede una parte orale e una scritta con una serie di esercizi. Per studiare entrambe dovresti investire almeno 3 mesi di tempo. Essendo un esame complesso, ci sono anche studenti che hanno impiegato il doppio dei mesi e studenti che si sono trovati a ripeterlo diverse volte.

Per rimanere nello standard dei 3 mesi è importante non approcciare lo studio pensando alla difficoltà della materia. Frasi come “è troppo difficile”, “non ce la farò mai”, “quel professore boccia tutti”, sono assolutamente controproducenti e demotivanti.

Ti proponiamo una serie di consigli che ti aiuteranno ad affrontare questo esame con lo spirito giusto e a superarlo in modo da laurearti in tempo.

Come bisogna studiare scienza delle costruzioni 

Spesso, gli studenti sostengono che la difficoltà di questo esame sia dovuta alle differenze tra la parte teorica e quella pratica. Molti si lamentano anche dei corsi. Secondo alcuni ex studenti, gli atenei dovrebbero dedicare cioè qualche ora di lezione in più a questa materia.

Le opinioni su Unicusano, per esempio, differiscono da quelle riguardanti gli altri atenei perché gli studenti hanno la possibilità di ascoltare e riascoltare le lezioni e di sciogliere i nodi più complessi. Scienza delle costruzioni, infatti, ha bisogno di un approccio che deve essere sia mnemonico che ragionato.

È fondamentale, infatti, allenarsi e fare quanti più esercizi possibile, ma non bisogna arrivare al risultato in maniera meccanica.

Il primo consiglio, quindi, della nostra guida “In quanto tempo si prepara scienze delle costruzioni?” è di studiare contemporaneamente la parte teorica e quella pratica. Molti studenti, infatti, tendono a distinguerle e ad affrontarle separatamente. Questo metodo non è dei più funzionali e non aiuta a risparmiare tempo.

Quali argomenti non tralasciare

Per ridurre le tempistiche ci sono degli argomenti su cui devi concentrarti di più rispetto ad altri, tra cui teoria della trave elastica, analisi della deformazione, taglio retto, flessione deviata, criteri di resistenza e principio dei lavori virtuali.

Ci sono, infatti, delle domande che vengono poste più spesso rispetto ad altre. Qui sotto, ti proponiamo un piccolo elenco:

  • Quali sono le proprietà del centro di taglio?
  • Cosa sostiene il principio di non compenetrabilità della materia?
  • Tre aste che formano un triangolo cosa costituiscono?
  • Come si definiscono gli scorrimenti angolari?
  • Che andamento ha il grafico della legge di Hooke?
  • Cosa significa corpo isotropo?
  • Con cosa coincide il raggio nel cerchio di Mohr?
  • Qual è la corretta definizione di scorrimento relativo o unitario?
  • Come si effettua la verifica allo stato limite per le tensioni normali?
  • Come viene definito lo spostamento generalizzato di un corpo rigido?

Se organizzi la tua strategia di studio senza tralasciare nessuno di questi argomenti e concentrandoti sulle risposte alle domande più frequenti, riuscirai a rispettare i tempi medi di preparazione di questo esame.

Come esercitarsi per passare scienza della costruzione

La nostra guida “In quanto tempo si prepara scienze delle costruzioni?” non può non tenere conto anche della parte pratica dell’esame.

Vuoi preparare la materia in 2/3 mesi? Allora, il consiglio è di allenarti con costanza iniziando dagli esercizi più semplici e passando via via a quelli più complessi. Devi cioè studiare affrontando problemi di difficoltà crescente, così da rendere la preparazione più interessante e stimolante. 

Inizia dalle strutture/costruzioni di base e apprendi i rudimenti. In questo modo riuscirai a fare subito tuo il metodo di ragionamento che ti aiuterà a non svolgere gli esercizi in maniera meccanica. Sarebbe bene anche procurarti le vecchie prove d’esame, a cui dedicherai gli ultimi giorni prima della data dello scritto. Se adotti questa strategia, l’esercitazione diventa davvero finalizzata al superamento della prova. Un ottimo metodo consiste, ad esempio, nel simulare l’esame. Non basta cioè esercitarti sulle vecchie prove, ma dovresti farlo nei minuti esatti che ti verranno concessi dal docente. Non è importante solo saper fare gli esercizi, ma anche risolverli entro i tempi necessari a farti superare la prova.

Alterna poi sempre le esercitazioni con lo studio/ripasso della teoria e sarai preparato ad affrontare al meglio sia la parte orale che quella scritta dell’esame.

Credits immagine: DepositPhoto.com/Jirsak

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali