informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le discipline vicine a criminologia?

Commenti disabilitati su Quali sono le discipline vicine a criminologia? Studiare a Crotone

Sei affascinato dal mondo delle investigazioni e ti interessa capire le discipline della criminologia? Se sogni un futuro da criminologo, devi approfondire quali sono le materie di studio di questa figura professionale.

Da oggi puoi seguire un master di criminologia a Crotone che ti prepara a intraprendere questa carriera. Come avrai capito, per l’iscrizione ai master è necessario conseguire prima un titolo di studio universitario triennale o magistrale in discipline giuridiche o psicologiche.

Criminologia: scienza multidisciplinare

La criminologia è una scienza multidisciplinare. Il fenomeno criminale, infatti, viene analizzato con l’aiuto di diverse discipline forensi e non solo. Il criminologo cioè studia il reato e ne ricerca le cause allargando il suo campo di indagine all’autore del reato, alla reazione sociale derivante dal crimine, ai fattori ambientali, alle vittime del reato e così via.

Per questo motivo le discipline della criminologia si possono distinguere in due macro insiemi. Al primo gruppo appartengono tutte le branche che affrontano il crimine vero e proprio, mentre al secondo appartengono quelle scienze che studiano il reato in correlazione all’aspetto sociologico, psicologico e giuridico.

Per quanto riguarda il diritto, la criminologia prevede conoscenze di diritto civile e penale. Il criminologo padroneggia cioè nozioni inerenti il funzionamento del sistema giudiziario e del processo penale e civile:

  • il reato
  • la capacità di intendere e di volere
  • la testimonianza
  • l’illecito civile
  • l’incapacità legale e naturale

Discipline criminologia: materie in ambito psicologico

Chiaramente, la criminologia ha molto a che vedere con gli studi psicologici:

  • psicologia clinica forense
  • neuropsicologia forense
  • strumenti della ricerca psico-forense
  • psicologia della testimonianza

La psicologia clinica forense, per esempio, è la disciplina che si occupa della valutazione degli individui coinvolti in atti criminali. Si tratta cioè di una materia che fornisce gli strumenti e i metodi per studiare la psicologia di assassini e criminali.

Psicologia della testimonianza: un piccolo approfondimento

Una branca come la psicologia della testimonianza ha una grande rilevanza in ambito penale.Un testimone non racconta i fatti cui ha assistito in maniera asettica. Il ricordo è influenzato dalla personalità del teste e da una serie di aspetti che possono alterare la testimonianza. Il racconto cioè potrebbe risentire degli effetti traumatici dell’evento o essere influenzato dalla paura di possibili ripercussioni. Una materia come la psicologia della testimonianza serve a comprendere i meccanismi alla base del racconto di un testimone.

Tra gli elementi in grado di condizionare il ricordo ci sono, per esempio, quelli derivanti dalla situazione stessa in cui la persona si è trovata:

  • distanza dall’evento. Se il testimone è lontano, infatti, può avere difficoltà a percepire i dettagli
  • durata dell’osservazione. La testimonianza sarà più o meno accurata a seconda del tempo di osservazione del crimine
  • condizioni di luce. Le variazioni di illuminazione possono provocare ricordi distorti riguardo la percezione dei colori

Per far sì che il ricordo dei testimoni non sia influenzato da questi e altri fattori, la psicologia della testimonianza ha sviluppato la cosiddetta intervista cognitiva. Si tratta di un modello che serve a ottenere un racconto il più vicino possibile alla realtà. Si utilizzano, per esempio, domande aperte al posto di quelle chiuse. In questo modo il testimone non viene condizionato e ha la possibilità di parlare a ruota libera e di sfogarsi.

Discipline criminologia: materie in ambito sociologico

Un esperto in criminologia non studia solo materie dell’ambito psicologico, ma anche quelle di ambito sociologico. Di solito, il programma di studio di un master specialistico:

  • sociologia della devianza e della criminalità
  • sociologia della violenza
  • sociologia dei fenomeni eversivi e mafiosi
  • sociologia penitenziaria
  • sociologia del diritto

Sociologia della devianza e della criminalità, ad esempio, si occupa di analizzare i comportamenti devianti e criminali in ambito sociale e di rintracciarne le cause.

Un bravo criminologo, infatti, è in grado di inquadrare il reato in una cornice più vasta che include anche gli aspetti sociali. Ecco perché deve avere una conoscenza approfondita di branche come la sociologia del diritto. Questa disciplina analizza il diritto in correlazione alla società in cui viene applicato. Cosa significa? Indaga, ad esempio, sull’efficacia della legge come strumento di controllo sociale, analizza l’opinione delle persone in relazione alla legge e si sofferma sull’interazione tra il sistema giuridico e gli altri sistemi sociali. In altre parole questa materia studia il diritto come se fosse un fenomeno sociale, ponendosi domande sull’impatto della legge, sui rapporti tra le norme giuridiche e le idee e i valori condivisi dalla collettività e così via.

Vittimologia: studio delle vittime di reato

Tra le discipline di criminologia c’è anche la vittimologia, vale a dire la materia che studia la relazione esistente tra la vittima e l’autore del reato.

Questa disciplina analizza cioè la vittima dal punto di vista biologico, psicologico, morale, sociale e culturale. Non solo, indaga anche sulle relazioni esistente tra chi subisce e chi commette un reato e si concentra sul ruolo che la vittima ha rivestito nella generazione del crimine. Si tratta di una materia relativamente recente che ha messo in luce la figura del soggetto del reato, a cui non attribuisce sempre e solo un ruolo passivo.

Secondo gli studiosi di vittimologia cioè esistono delle caratteristiche personali che, in determinate circostanze, possono essere causa del precipitare degli eventi. Come puoi dedurre dalla definizione, questa materia ha molto a che vedere con la criminologia. 

Stilometria: la disciplina incentrata su verità e menzogne

Un’altra interessante disciplina della criminologia è la stilometria o studio del linguaggio. In cosa consiste? Quando una persona scrive o parla tende a usare sempre alcuni termini o a esprimersi con una precisa struttura sintattica. 

La stilometria applicata alla criminologia serve proprio a individuare tutte queste caratteristiche ricorrenti del linguaggio, che vanno considerate come possibili spie di verità o di menzogna. Oggi, tra l’altro, questo tipo di ricerca è facilitata dalle tecniche computazionali. Si utilizza cioè un computer che raccoglie automaticamente i dati e li compara grazie all’intelligenza artificiale.

In Italia, per esempio, è stata condotta una ricerca che ha analizzato numerose trascrizioni di testimonianze rese nel corso di procedimenti penali.

Grazie alle analisi stilometriche è stato possibile etichettare come vere, false o incerte le dichiarazioni dei soggetti coinvolti. Grazie a questa disciplina sono state cioè rintracciate le caratteristiche comuni delle dichiarazioni degli imputati. In particolare, le risposte false sono risultate caratterizzate da:

  • abbondanza di negazioni
  • uso più frequente di termini che richiamano emozioni negative rispetto a quelli riguardanti emozioni positive
  • abbondanza di verbi come penso, mi sembra, mi pare

Criminal profiling: analisi dei crimini seriali

La criminologia si occupa anche di crimini seriali e in questo ambito rientra il criminal profiling. Si tratta di una delle discipline di criminologia più interessanti e conosciute, salita alla ribalta grazie alle tante serie televisive americane con protagonisti esperti di profilazione.

Questa disciplina fornisce tutti gli strumenti per diventare esperti nella costruzione del profilo dell’autore di crimini reiterati. Il campo di applicazione riguarda cioè i serial killer, i pedofili, i piromani e così via. Le tecniche utilizzate partono sempre da una fase detta profiling imput, vale a dire dalla raccolta delle informazioni provenienti dalla scena del crimine.

Dopodiché il profiler analizza e organizza le informazioni per poter ricostruire il comportamento del criminale. In questa fase, per esempio, sono molto importanti le nozioni di vittimologia perché bisogna prestare grande attenzione all’interazione tra vittima e carnefice. Tutto lo studio preliminare serve a elaborare un profilo che di solito contiene le seguenti informazioni:

  • sesso, età e razza
  • stato civile
  • lavoro
  • valori e credenze

Credits immagine: DepositPhoto.com/Lucadp

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali