informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Struttura a matrice nelle aziende: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Struttura a matrice nelle aziende: definizione e caratteristiche Studiare a Crotone

L’organizzazione aziendale può prevedere una struttura a matrice. Capire come si può strutturare un’azienda è il primo passo per realizzare un business e pianificare il suo successo.

Studiare l’organizzazione di un’azienda

strutture organizzative del personaleGli addetti ai lavori, coloro che si occupano nello specifico di pianificazione aziendale, molto spesso sono studenti dei corsi di laurea in economia che arrivano a ricoprire un ruolo di rilievo, svolgendo un compito fondamentale: organizzare l’azienda.

Ma cos’è l’azienda? Partiamo dal principio. Si tratta di un sistema costituito da:

  • Persone (risorse umane)
  • Tecnologie (strumenti e competenze)

Sulla base di questi due elementi e delle possibilità che si generano nell’ambiente esterno all’azienda vengono stabili:

  • Priorità
  • Obiettivi

Questi vengono perseguiti tramite una relazione tra i due elementi che costituiscono il sistema. Persone e strumenti realizzano il comportamento aziendale, che conduce al raggiungimento degli obiettivi (sulla base delle priorità) e porta a determinati risultati. Semplice a dirsi? Meno semplice a farsi. Per questo motivo esiste una materia che si occupa dell’analisi di questi meccanismi: l’economia aziendale. La parte che ci interessa a noi è ancora più specifica ed e è quella che si impegna a studiare la struttura aziendale, individuando il modo migliore per dividere le mansioni aziendali per raggiungere gli obiettivi in maniera ottimale.

La struttura organizzativa dell’azienda

Tutte le aziende devono avere un’organizzazione ben precisa. A livello teorico sono stati fatti molti studi a riguardo e sono state individuate le caratteristiche principali che deve possedere:

  • Divisione del lavoro
  • Gruppi
  • Sistemi di coordinamento
  • Decentramento

Grazie alla divisione del lavoro tutti i procedimenti aziendali sono scomposti in attività elementari. Un insieme di queste attività costituisce un compito. Ogni compito spetta ad un ruolo che occupa una posizione organizzativa, tutti i compiti di una posizione rappresentano la mansione aziendale di quel determinato ruolo. Gli organi aziendali sono costituiti da persone che possiedono la medesima posizione.

I vari organi possono essere raggruppamenti in unità organizzative, subordinate a un organo di comando che funge da responsabile. Solitamente le unità organizzative di un’azienda sono le seguenti:

  • Direzioni
  • Divisioni
  • Dipartimenti
  • Settori
  • Sezioni
  • Uffici
  • Reparti
  • Officine

Ai vari raggruppamenti corrispondono vari livelli di autorità. Tutte le autorità di un’azienda corrispondono alla gerarchia aziendale.

Le strutture organizzative in un’azienda si distinguono in:

  • Piatte
  • Alte

La differenza risiede in un alto o basso numero di livelli gerarchici. Se il numero di addetti è simile la struttura piatta avrà però unità organizzative di dimensioni maggiori e quindi l’ambito di controllo sarà più ampio rispetto a quelle alte. Allo stesso tempo avrà anche minori costi, dovuti ad un numero di posizioni manageriali minore che corrisponde ad un costo aziendale in meno. Un vantaggio di questo tipo di aziende è la minore distanza tra le posizioni gerarchiche e gli organi operativi, ciò significa:

  • Velocità dei processi operativi
  • Maggiore comunicazione
  • Tempi decisionali più rapidi
  • Minori distorsioni interpretative

Grazie alla tecnologia le aziende hanno potuto scegliere sempre più strutture organizzative piatte, perché il controllo a distanza, da remoto, informatizzato e automatizzato ha lasciato maggiori margini di autonomia e autocontrollo all’operatore.

Organizzazione a matrice

Una delle tipologie di organizzazione è quella a matrice, anche chiamata matriciale, che serve per trovare un’integrazione tra li aspetti positivi e negativi di due diverse tipologie:

  • organizzazione funzionale
  • organizzazione per progetti.

L’organizzazione funzionale prevede una divisione per funzioni. È un modello gerarchico in cui le persone vengono suddivise per area di specializzazione e sono poste sotto la supervisione di un manager o responsabile di funzione.

Nell’organizzazione progettuale il project manager ha l’autorità assoluta su tutte le persone collegate al progetto, quasi non esistono manager funzionali, poiché si lavora a progetto.

Nella struttura organizzativa a matrice c’è piena condivisione di tutto il bagaglio di competenze posseduto dal personale, che può interagire con i diversi dipartimenti e gruppi di progetto a seconda delle esigenze.

Chi lavora ad un progetto di trova ad avere come punti di riferimento due autorità:

  • manager funzionale
  • responsabile di progetto

Il primo ha un’autorità di tipo verticale mentre il secondo di tipo orizzontale. Queste due linee formano la matrice. Si stabilisce quale capo ha maggiore importanza a seconda del tipo di organizzazione a matrice.

Questo tipo di struttura aziendale si applica soprattutto nelle organizzazioni multi-progetto, proprio per consentire un facile passaggio del personale da un progetto ad un altro in cui si rivelano utili le sue competenze e servizi. I dipendenti condividono le proprie risorse tra progetti e unità funzionali.

Ci sono tre diverse tipologie di organizzazione a matrice:

  • debole
  • equilibrata
  • forte

La prima prevede un modello in cui il ruolo del project manager è limitato perché in questi casi è il manager funzionale ha svolgere un ruolo di maggior rilievo. Il project manager deve rimandare al funzionale, operando maggiormente come coordinatore.

Nella matrice equilibrata sostanzialmente entrambe le figure di autorità condividono le proprie risorse e prendono decisioni per il bene dell’azienda di comune accordo. Sostanzialmente il potere è condiviso.

Nella matrice forte l’organizzazione assomiglia molto di più all’organizzazione progettuale. Difatti in questo contesto è il project manager a svolgere il ruolo principale e ad avere il potere gestionale delle risorse impiegate nel progetto.

Gli esperti di economia sono concordi nel ritenere che questa organizzazione aziendale sia vantaggiosa. Grazie a questa struttura si accrescono le capacità di leadership e di condivisione delle conoscenze da parte delle persone coinvolte, concetti importanti anche al fine di una corporate social responsability. Sviluppare un’attitudine collaborativa in azienda è alla base di tutte le moderne teorie di team building, che dimostrano che non solo si crea un’ambiente più gradevole sui luoghi di lavoro ma si convincono le persone a fare il meglio e si aumentano i fatturati.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali