informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Rinascimento italiano: una breve storia

Commenti disabilitati su Rinascimento italiano: una breve storia Studiare a Crotone

Il Rinascimento italiano è un periodo della storia dell’arte capace di dispiegare ancora il suo fascino lungo la storia. È una delle fasi che ha influenzato maggiormente il gusto artistico e non solo. Il nostro paese è legato in modo intimo a questo periodo, tanto da far conoscere l’Italia in tutto il mondo come “la culla del Rinascimento”. Dobbiamo andarne orgogliosi. In questo articolo ti spieghiamo perché.

Rinascimento Italiano: capolavori senza tempo

david di michelangeloL’arte ci appartiene. Il patrimonio culturale italiano è di inestimabile valore, ricco di stili diversi, di grazia e bellezza. Turisti da tutto il mondo atterrano nella nostra penisola per ammirare i capolavori realizzati da geni assoluti come Giotto, Michelangelo e altri. Chi ha sostato con il naso all’insù dentro la Cappella Sistina, o chi ha sollevato lo sguardo per incontrare la punta del campanile di Giotto a Firenze, sa bene di cosa stiamo parlando. Per comprendere quanto sia straordinaria la produzione d’arte di quel tempo basta guardare una qualsiasi opera di:

  • Leonardo da Vinci
  • Michelangelo Buonarroti
  • Sandro Botticelli
  • Filippo Brunelleschi

Solo per citarne alcuni. Ma la diffusione dell’ideale del bello e dell’arte non dipese soltanto dai pittori e dagli scultori, ma anche da altri personaggi che si spesero positivamente per accrescere il patrimonio, con donazioni in denaro e supporto agli artisti. Ricordiamo che il Rinascimento non è soltanto un movimento artistico, ma anche filosofico e letterario. Non fu confinato soltanto in Italia, ma la sua forza varcò i confini e attraversò altri paesi europei. Fu un momento cruciale della storia, che sancì definitivamente il passaggio dal Medioevo all’Età Moderna.

Le due fasi del Rinascimento

Gli storici hanno studiato a lungo questa fase, analizzandone le caratteristiche e le conseguenze su quanto è avvenuto successivamente. Per una comprensione e una ricerca più chiara hanno suddiviso l’epoca in tre parti:

  • Fase di crescita
  • Fase di maturazione
  • Fase di decadenza

Molte epoche artistiche hanno questo andamento ciclico. La prima fase del Rinascimento occupa gli anni dal 1420 al 1490. La prima fase è di sperimentazione. Gli artisti del tempo crearono le basi per nuove forme e stili. Gli artisti che ne fecero parte sono:

  • Filippo Brunelleschi
  • Paolo Uccello
  • Piero della Francesca
  • Mantegna

Alcuni di loro si basarono sul lavoro e sulla profonda ricerca svolta da Giotto per raggiungere la perfezione nella prospettiva, dando una sferzata di novità a quello che erano state le tecniche fino ad allora. Anche personaggi del calibro di Donatello e Masaccio regalarono le loro opere e il loro spirito innovativo, mettendo in secondo piano lo stile gotico, fino ad allora protagonista assoluto.

La seconda fase stabilizza il cambiamento. Si raggiunge un livello di perfezione e di codificazione del nuovo linguaggio, che ha precise regole, intenti, modi di esprimersi e ideali da raggiungere.

A questo momento sono legati tre artisti rinascimentali che approfondiremo nel prossimo paragrafo.

La terza fase del Rinascimento è meglio conosciuta come Manierismo. Non è l’innovazione a caratterizzarla, ma il perseguire quanto era già stato ideato e diffuso. Una ripetizione virtuosa del nuovo stile.

Tre protagonisti del Rinascimento

In tutto il mondo se chiedi il nome di una artista italiano del Rinascimento otterrai una di queste risposte:

  • Leonardo
  • Michelangelo
  • Raffaello

Un trio importante sotto molteplici punti di vista. Ognuno di loro ha contribuito ad un cambiamento incisivo ed epocale.

Leonardo da Vinci

L’artista considerato “eclettico”, capace di sfiorare la perfezione in qualsiasi campo artistico. A renderlo così speciale è stato probabilmente il suo quoziente intellettivo, diventato argomento di studio anche nei corsi di laurea in psicologia. Forse lo si conosce più come scienziato che come artista.

Michelangelo Buonarroti

In questo caso ci troviamo di fronte una mente meno “controllata” e razionale rispetto a quella di Leonardo. Un artista attraversato anche da forti emozioni e sofferenze. Le sue opere ci parlano di una visione della vita drammatica, in cui la solitudine è una fedele compagna. L’arte diventa una strada maestra per raggiungere una guarigione dell’anima, per lenire quella sofferenza interiore tanto insistente.

Raffaello Sanzio

Questo artista si pone nel mezzo tra questi due estremi: il cuore e la ragione. Forse porta con sé un’aura di protagonista della scena. Sa come stare al centro dell’attenzione. La sua fertile arte porta a molte opere, una produzione densa e di grande impatto. Nonostante una breve vita ci ha lasciato davvero una grande eredità. Diversamente da Michelangelo non mostra tormento alcuno, ma una solarità invidiabile.

Caratteristiche dell’arte del Rinascimento

Ci sono dei dettagli che segnano e rendono unica un’epoca artistica. Per il Rinascimento riveste particolare importanza:

  • L’uso del colore
  • La luce nella pittura

La luminosità di alcuni quadri è nettamente diversa da come viene rappresentata nei quadri degli stili precedenti. Proprio tra il 1440 e il 1465, a Firenze, nella cosiddetta “culla del Rinascimento”, nasce l’indirizzo artistico che prende il nome di “pittura di luce”. Sono diversi pittori a far emergere questa tendenza:

  • Domenico Veneziano
  • Andrea del Castagno
  • Beato Angelico
  • Paolo Uccello

La luce e il colore diventano centrali e grazie a loro viene inserito l’utilizzo di una nuova tecnica, quella dei “valori luminosi”, toni di alcuni colori adatti a dare luce ai soggetti e agli elementi rappresentati.

La questione dello stile e delle nuove tendenze venne anche teorizzata e raccolta in un documento, il famoso De Pictura di Leon Battista Alberti, che sottolinea come il fulcro della tecnica non fosse il colore ma la luce, o meglio l’illuminazione.

È affascinante ripercorrere la storia dell’arte e incontrare quest’epoca di rivoluzione per la cultura dell’epoca, che ancora oggi esalta ed emoziona gli esteti e gli appassionati d’arte.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali