informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I pro e i contro del lavoro notturno

Commenti disabilitati su I pro e i contro del lavoro notturno Studiare a Crotone

Il lavoro notturno per molti può essere una soluzione logica a una condizione di vita che impone come tempo di lavoro le ore della notte. Altre volte non è una questione di scelta, ci si trova di fronte a bivio: accettare o meno una professione che sconvolge i normali ritmi? La risposta dipende da una serie di fattori. Prima di dare una risposta definitiva valutiamo insieme i pro e i contro.

Lavorare di notte: perché sì?

lavori da fare di notteDi fronte all’idea di lavorare la notte, tutte le notti, un po’ di titubanza ci può stare. Forse è più facile concentrarsi sugli aspetti preoccupanti, ma ci sono anche aspetti positivi. Bisogno arrivare obiettivamente a trovare un equilibrio tra i due o addirittura far volgere la situazione a proprio favore. In questo paragrafo vogliamo dare spazio ai pro, a tutte quelle motivazioni che rendono un lavoro notturno una scelta vincente. Ci siamo appuntanti su una lista tutte le ragioni per cui accettare un lavoro da svolgere di notte non è una follia:

  • Mattinata libera
  • Meno stress logistico
  • Addio insonnia

Eh già, uno dei vantaggi del lavoro di notte è il fatto di avere la giornata libera. La mattinata non proprio, ci si augura che almeno nelle prime ore del giorno ti dedichi un po’ al recupero delle energie. La giornata resta a tua disposizione per svolgere tutto quello che vuoi: incombenze burocratiche, studio per gli esami di facoltà, hobby, tempo per la famiglia.

Anche il fatto di non doversi barcamenare nel traffico, viaggiando nelle ore di punta, riduce di tanto lo stress relativo al lavoro. Perderai meno tempo e inizierai la tua nottata lavorativa con più grinta di quella che ci mettono le numerose persone che si ritrovano imbottigliate in tangenziale nelle prime ore del mattino. Se ami poco il caos e ti rilassa l’idea di non dover gestire questo aspetto mentre ti rechi sul posto di lavoro allora le professioni da svolgere di notte sono quelle che fanno al caso tuo.

Ultimo, ma non per ordine di importanza. L’insonnia diventa un lontano ricordo. Pensa che bello. Vai a lavorare proprio nelle ore in cui di solito ti rigiri nel letto come se ti avesse morso una tarantola. Vai a lavorare di notte e ti assicuriamo che al tuo ritorno il sonno non tarderà a manifestarsi.

Il lavoro notturno: i contro

Ma non è tutto oro quello che luccica. Anche se guardando all’economia si scopre che il lavoro di tipo notturno è pagato con stipendi più alti (ma comunque conviene di più all’azienda) non è sempre tutto rose e fiori. Molti di coloro che hanno rifiutato proposte simili lo hanno fatto per evitare una serie di conseguenze negative che sulla loro persona avevano un impatto troppo netto e difficile da gestire. Quali?

  • Alterazione ritmo sonno-veglia
  • Diminuzione del tempo di reazione
  • Problemi di sicurezza

Le controindicazioni dei lavori notturni sono soprattutto quelle relative al cambiamento dei bioritmi. Chi lavora di notte si ritrova spesso con stati di confusione che ci impiegano diverso tempo prima di assestarsi. Andare a dormire la mattina non è così semplice per tutti. Certo, si dorme comunque, ma al risveglio qualcosa “stona”, come se comunque non si riesce a carburare bene. A volte questa sensazione viene scatenata o amplificata anche da sintomi fisici. Mal di testa, difficoltà a digerire, bruciore agli occhi, sono solo alcuni dei fastidi percepiti.

Però bisogna sempre ammettere che dipende dal tipo di lavoro, un ingegnere che lavora di notte può non avere le stesse reazioni di una psicologa. Il lavoro fisico, ripetitivo e per cui è necessaria molta concentrazione (come quello da svolgere in fabbrica) quando viene svolto di notte può rivelarsi più difficile da portare avanti con buon senso della memoria, dell’attenzione e dei tempi di reazione. Per cui, soprattutto per quanto riguarda i lavori notturni in fabbrica, pensaci bene, se non ti senti sicuro lascia stare.

La sicurezza l’abbiamo lasciata alla fine del paragrafo, proprio per quanto è importante ribadire che anche le condizioni ambientali dei lavori che si fanno la notte non sono le più favorevoli. Buio, minore affluenza di persone e altro possono rendere rischiosi i lavori all’aperto, ma non vogliamo creare facili allarmismi. La giurisprudenza, e in particolare la materia del diritto del lavoro, tutela tutti i lavoratori, anche coloro che svolgono lavori pericolosi.

Volevamo solo puntualizzare un aspetto che va tenuto in considerazione quando scegli un lavoro notturno.

Non è una questione di coraggio, né di resistenza. È una questione di predisposizione e anche allenamento, ma va sempre ponderata. TI abbiamo fornito tre valide ragioni per accettare e tre per rifiutare di lavorare di notte. Spetta a te adesso sentire quali sono le motivazioni che ti risuonano maggiormente, quelle che senti che parlano della tua personale situazione.

Qualsiasi sia la tua scelta è importante che sia fatta con consapevolezza. Con le nostre indicazioni ci auguriamo di averti dato qualche suggerimento utile in più per orientare la tua scelta.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali