informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Diventare preside? Ecco i passaggi per essere dirigente scolastico

Commenti disabilitati su Diventare preside? Ecco i passaggi per essere dirigente scolastico Studiare a Crotone

Vuoi diventare preside ma non sai da dove partire? Lo Staff di Unicusano Crotone ha la guida per te. Seguila passo passo e sarai sulla strada giusta per raggiungere il tuo obiettivo.

Cosa fa il preside

Prima di spiegarti i passaggi per diventare dirigente scolastico è bene che tu sappia esattamente quali sono i suoi compiti. Idealizzare una professione è facile, ma poi spesso la realtà si rivela ben diversa. Il ruolo del preside o dirigente negli anni si è evoluto profondamente, diventando sempre più importante all’interno del plesso scolastico.

Oggi le sue responsabilità sono notevoli e di fatto è la figura che gestisce ogni aspetto di un istituto. In primo luogo si occupa di organizzare tutte le attività della scuola e della gestione delle risorse finanziare affidategli. Inoltre è anche il responsabile legale, quindi deve accertarsi che vengano rispettate tutte le leggi, è su di lui o su di lei che ricadono eventuali illeciti commessi durante il lavoro.

Il Piano di Offerta Formativa – POF

Il preside di un istituto è il dipendente della pubblica amministrazione che, oltre a quanto detto finora, garantisce il diritto all’apprendimento degli alunni. Per questo deve strutturare un piano che permetta loro di crescere – culturalmente ma anche umanamente – grazie ad un’istruzione di livelli ottimali. Quindi, oltre ai programmi ministeriali, organizza anche il Piano di Offerta Formativa (POF) che varia da scuola a scuola. Contiene tutte le attività extrascolastiche ma allo stesso tempo formative da proporre agli studenti. Questo lo porta ad avere numerosi rapporti esterni con realtà come associazioni, enti, aziende ed altri organi delle istituzioni.

L’AD della scuola

Volendo rendere la cosa ai minimi termini, potremmo dirti che se vuoi diventare preside dovrai essere pronto o pronta a calarti nei panni che potrebbero essere di un amministratore delegato. Infatti, è anche a capo del Collegio dei Docenti, del Consiglio d’Istituto e vigila sull’operato degli insegnanti, assegnandoli anche alle varie classi. Ma non è tutto: ha anche il potere di sanzionare i docenti e gli altri membri del personale scolastico per inadempienza.

Il primo passaggio per diventare preside: essere un insegnante

Per diventare preside bisogna superare il concorso pubblico indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MiUR) destinato al personale docente

  • assunto a tempo indeterminato;
  • confermato in ruolo;
  • in possesso di diploma di laurea magistrale o specialistica, oppure di diploma accademico di secondo livello;
  • con almeno cinque anni di servizio nelle istituzioni scolastiche.

Dunque il primo passaggio inevitabile per diventare preside è essere un o una insegnante. Se lo sei, ma hai solamente un diploma o una laurea triennale potresti iscriverti all’università ed ottenere una laurea. Temi di non riuscire a gestire studio e lavoro? All’Università Niccolò Cusano di Crotone puoi seguire le lezioni online 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e studiare nel tuo tempo libero.

Le facoltà più utili

Le facoltà a cui puoi iscriverti a Crotone per fare un percorso formativo utile a diventare preside sono:

  • Economia, perché dovrai saper gestire le finanze dell’istituto che ti verrà affidato;
  • Giurisprudenza, perché dovrai conoscere tutte le norme e le responsabilità inerenti alla presa in carico di una scuola;
  • Psicologia, per poter garantire agli alunni un approccio alla formazione il più possibile consono con le loro esigenze;
  • Scienze della Formazione, che anche se ha una durata triennale, può essere completato con una specialistica nelle facoltà appena elencate.

Scopri di più sugli studi da fare e su come diventare dirigente scolastico: accertati di sapere tutto il necessario passare allo step successivo!

Il secondo passaggio: superare il concorso

Il concorso pubblico per diventare preside prevede

  • una prova scritta;
  • la prova orale;
  • una prova preselettiva se gli iscritti superano di tre volte il numero dei posti messi al bando.

Le materie del concorso

Per poter superare il concorso devi concentrarti nello studio di tutto ciò che riguarda:

  • le normative del sistema educativo, d’istruzione e di formazione e gli ordinamenti degli studi in Italia;
  • le modalità di gestione delle organizzazioni complesse, ovviamente soffermandoti principalmente sulle istituzioni scolastiche ed educative statali;
  • conoscere la redazione e relativa gestione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa, l’elaborazione del Rapporto di Autovalutazione e del Piano di Miglioramento;
  • saper organizzare gli ambienti della scuola, con particolare attenzione all’inclusione scolastica, all’innovazione digitale e ai processi di innovazione nella didattica;
  • avere skills di organizzazione del lavoro e gestione del personale;
  • essere in grado di valutare il personale, il livello di apprendimento degli studenti e sistemi e processi scolastici,
  • conoscere le norme di diritto civile e amministrativo specifiche per il ruolo del dirigente scolastico; ma anche quelle di diritto penale che riguardano i delitti contro la Pubblica Amministrazione e il danno nei confronti di minorenni;
  • sapere come funziona la contabilità di Stato, soprattutto in materia di programmazione e gestione finanziaria;
  • avere competenze informatiche;
  • essere informato o informata sui sistemi educativi dei Paesi dell’Unione europea;
  • avere una certificazione di livello B2 del CEF di una lingua straniera a scelta tra francese, inglese, tedesco e spagnolo.

L’ultimo step: tirocinio e colloquio finale

Se sarai tra coloro che avranno studiato abbastanza per superare il concorso, non potrai da subito diventare preside. Ti aspettano 8 mesi di formazione, suddivisi in

  1. quattro mesi di corso
  2. quattro mesi di tirocinio

In conclusione del ciclo formativo c’è un colloquio finale che poi ti permetterà di accedere alla graduatoria. E così anche tu potrai dire di essere un dirigente scolastico!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali