informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Diritto internazionale: cos’è e cosa regola

Commenti disabilitati su Diritto internazionale: cos’è e cosa regola Studiare a Crotone

Ti piacerebbe specializzarti in diritto internazionale e sei alla ricerca di informazioni? Questa branca del diritto regolamenta i rapporti commerciali, sociali ed economici tra gli stati. Vista la crescente globalizzazione, i rapporti internazionali sono diventati molto più frequenti e anche molto più complessi. Il lavoro per i legali specializzati in questo settore del diritto, dunque, è notevolmente aumentato negli anni. Vuoi saperne di più? Leggi la nostra piccola guida introduttiva qui di seguito.

Diritto internazionale cos’è?

Per diritto internazionale si intende quella branca che regola la vita della comunità internazionale. Se una questione/evento non è riferibile a un unico ordinamento giuridico interno ma a più ordinamenti di stati diversi, si pone un problema evidente: come va disciplinato? Proprio in queste situazioni si applica il diritto internazionale.

Pensa a un contratto commerciale con una prestazione di vendita/acquisto effettuata in una nazione diversa rispetto a quella di produzione. In situazioni come quella appena descritta si applica il diritto internazionale privato. Di solito, infatti, si distinguono due branche:

  • diritto internazionale pubblico riguardante i rapporti tra gli stati e le organizzazioni internazionali. Si applica in settori come diritti umani, il diritto del mare, il diritto penale internazionale e il diritto umanitario internazionale.
  • diritto internazionale privato riguardante i rapporti tra uno stato e i cittadini privati stranieri

Le fonti di riferimento del diritto internazionale sono gli accordi e le convenzioni stipulate tra due stati (bilaterali) o tra più stati (multilaterali). Spesso, questi accordi sono il frutto di negoziazioni operate da organi come le Nazioni Unite o il Consiglio d’Europa. Tra le altre organizzazioni di riferimento ci sono l’Organizzazione marittima internazionale (OMI), l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e la Commissione Internazionale sullo stato civile (CISC).

Ogni stato può decidere liberamente se accettare o meno un negoziato o un accordo. L’aspetto democratico del sistema viene garantito con il principio dell’uguaglianza internazionale degli Stati. Cosa significa? Nella negoziazioni di convenzioni e trattati internazionali tutti gli stati sono uguali, indipendentemente dalla loro grandezza.

Organi giudiziari internazionali

Gli organi giudiziari principali in ambito sovranazionale sono la corte internazionale di giustizia (CIG) e la corte penale internazionale (CPI), entrambe con sede all’Aia. La seconda, per esempio, persegue gli individui sospettati di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità. La CPI interviene quando i singoli stati non sono in grado di effettuare le inchieste ed è stata riconosciuta da 110 paesi, tra cui l’Italia.

Come il diritto internazionale pubblico entra nella nostra quotidianità

Il diritto internazionale non è appannaggio solo dei giuristi. Incide anche nella quotidianità delle persone per tantissimi aspetti come nel caso del Codex Alimentarius. Che cos’è? Si tratta di un’insieme di norme internazionali emanate nel 1962. Il Codex definisce, per esempio, gli standard dei prodotti alimentari e favorisce il commercio internazionale. I singoli stati, dunque, si attengono a queste norme per determinare aspetti come il limite massimo di residui di pesticidi ammessi in frutta e verdura.

Non solo, un altro ambito importante sono i medicinali contraffatti. Per lottare contro questo pericoloso mercato gli stati cooperano tra di loro, facendo riferimento proprio alle convenzioni internazionali.

Un altro esempio ancora riguarda la rete mobile. Oggi, la connessione tra le diverse reti mobili dei vari paesi è garantita dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU). Ovviamente, tutte le questioni che coinvolgono queste tecnologie e i cittadini di stati diversi sono regolamentate sempre dal diritto internazionale.

Gli ambiti di applicazione non si esauriscono a quelli elencati sopra. Qui sotto, trovi altri settori ancora in cui si fa riferimento a questa branca del diritto:

  • lotta contro il terrorismo
  • protezione dell’ambiente
  • trasporti aerei, marittimi e su strada ferrata
  • protezione degli esseri umani in presenza di conflitti. Il diritto internazionale stabilisce le regole di protezione di civili, feriti e prigionieri di guerra in presenza di un conflitto armato
  • commercio e sviluppo

Come specializzarsi in diritto internazionale

Per acquisire la formazione necessaria a occuparsi di commercio o trasporti tra paesi, devi seguire un master. Unicusano ha istituito diversi master di diritto internazionale tra cui:

  • master in pianificazione fiscale e doganale negli scambi con l’estero e per l’internazionalizzazione delle imprese
  • master in diritto antitrust e della regolazione dei mercati

Si tratta di corsi organizzati con la formula della formazione a distanza che prevedono 1500 ore di lezione. La durata è di un anno, durante il quale sono previste delle prove per ottenere i 60 crediti formativi e una prova finale per il conseguimento del titolo.

Grazie ai percorsi di specializzazione tramite master si possono esercitare le seguenti professioni:

  • avvocato europeo: si occupa di diritto comunitario e offre consulenza e assistenza su materie riguardanti norme e direttive della UE
  • avvocato internazionalista: si occupa di diritto internazionale privato e segue i cittadini alle prese con contratti, matrimoni, adozioni e altre questioni che coinvolgono più stati diversi

Ovviamente, per operare nel settore internazionale è necessaria un’ottima conoscenza della lingua inglese. Non bisogna, però, conoscere bene solo la lingua parlata e scritta, ma avere anche una certa dimestichezza con l’inglese giuridico.

Credits immagine: DepositPhoto.com/NiroDesign

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali