informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le mansioni del criminologo? Quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Quali sono le mansioni del criminologo? Quello che devi sapere Studiare a Crotone

La professione del criminologo ha una storia relativamente recente, ma sta prendendo sempre più piede anche in Italia. Ma cosa fa questo professionista di preciso? Scopri quali sono le mansioni del criminologo insieme allo Staff di Unicusano Crotone.

La storia della criminologia

Il criminologo è colui o colei che si occupa di criminologia, la scienza che studia i comportamenti criminali. Uno dei primi ad interessarsi a queste tematiche fu Cesare Beccaria nel suo celebre “Dei delitti e delle pene”. Infatti, fu proprio con l’affermarsi della cultura illuminista, concentrata sulla ragione umana che i grandi studiosi iniziarono ad avvicinarsi a questa materia. Successivamente ci furono diverse scuole di pensiero:

  • quella legata all’antropologia criminale,
  • quella focalizzata sull’aspetto sociologico della causa del crimine
  • ed infine quella con un approccio più puramente psicologico.

La criminologia oggi

Oggi la criminologia non può essere definita un’unica scienza in senso stretto, quanto piuttosto un’insieme di discipline che hanno lo stesso soggetto d’interesse: il reo – cioè la persona che commette il crimine – e/o il reato. Rientrano nella sfera d’azione e d’influenza della criminologia:

  • la sociologia
  • la psicologia
  • la biologia
  • la genetica
  • le neuroscienze
  • il diritto penale e penitenziario.

La criminologia è una scienza empirica, il che implica che l’osservazione dei fatti sia fondamentale per poter condurre un’indagine approfondita. Ma entriamo nel dettaglio e vediamo quali sono le mansioni del criminologo.

Il ruolo del criminologo

Il criminologo lavora prevalentemente nell’ambito della ricerca e in quello forense e giudiziario. Può formulare un quadro per ricostruire i fattori che hanno portato a compiere un crimine e valutare quindi la pericolosità sociale di colui o colei che lo hanno commesso. Ha un ruolo anche nel recupero di queste persone, offrendo la sua consulenza in un contesto di assistenza e riabilitazione.

Dove lavora un criminologo

Un criminologo può trovare lavoro in molteplici ambiti.

  • Nelle istituzioni carcerarie può prendere parte alla squadra che si occupa del trattamento dei detenuti.
  • Può essere un giudice onorario presso il tribunale di sorveglianza o quello dei minorenni.
  • Può offrire la sua consulenza nei procedimenti penali, se nominato dal giudice o da una delle parti.
  • Negli enti locali, può occuparsi della sicurezza urbana.
  • Infine può prendere parte a task force di prevenzione della criminalità, parlando della sua esperienza e mettendo a disposizione le sue competenze.

Il criminologo in Italia

Come hai potuto leggere le mansioni del criminologo sono diverse e sono molti gli ambiti d’azione. È importante sottolineare però che in Italia quest’attività specifica non è regolamentata da nessuna norma. Sebbene si tratti di una professione che sta prendendo piede e che offre buone opportunità, non esiste un ordine ma solamente la Società di Criminologia Italiana, di cui può fare parte chiunque si occupi di criminologia.

Il provvedimento del 21 aprile 2000

Il 21 aprile 2000 la Commissione Giustizia della Camera ha approvato un provvedimento in merito al giusto processo. Da quel momento, nuove figure professionali tra le quali gli esperti di criminologia, hanno avuto accesso al nostro sistema penale.

In questo modo, i magistrati possono quindi chiedere il loro parere

quando occorre svolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedono specifiche competenze tecniche o scientifiche (…)

Art. 220 C.p.p.

inoltre, tra le mansioni del criminologo, ci sono anche le consulenze alle forze dell’ordine, per assicurare la più corretta procedura nelle indagini e nei diversi casi di accusa.

Come diventare criminologo

Il criminologo attinge competenze da ambiti diversi e non esistendo come professione vera e propria rientra tra le specializzazioni successive a percorsi di studi specifici. Le lauree più indicate per poi diventare criminologo sono quelle di natura giuridico-scientifica e probabilmente le due più indicate tra quelle di quest’ambito sono:

  • Giurisprudenza, della durata di cinque anni
  • Psicologia, della durata di 3 più 2 anni di specializzazione.

La prima ti permetterebbe di avere un’ampia conoscenza del diritto, utile per analizzare la situazione sotto un punto di vista legale. La seconda invece ti aiuterebbe a conoscere meglio i meccanismi psicofisici che regolano il comportamento e le dinamiche delle relazioni umane.

Il Master in Psicologia Criminale

Terminato uno dei due percorsi, o comunque una volta ottenuta una laurea, puoi dedicarti ad una specializzazione in criminologia. Esistono numerosi corsi, ma per avere una qualifica valida è bene optare per quelli di natura accademica come quello di Unicusano Crotone.

Il Master in Psicologia Criminale può essere diviso in tre moduli:

  1. Dedicato allo studio della criminologia, della vittimologia, della psicologia investigativa e del diritto.
  2. Specifico sui temi di Security, Safety e tecnologie informatiche forensi.
  3. Concentrato sulle scienze forensi.

Chiunque sia in possesso di una laurea, anche triennale, può accedervi. La comodità delle lezioni in modalità telematica lo rende particolarmente indicato anche per coloro che lavorano. Se sei un avvocato, uno psicologo o se lavori nelle Forze dell’Ordine potrai seguire le lezioni in qualunque momento ed organizzarti al meglio. Ad ogni modo, anche se sei ancora uno studente non è da sottovalutare il fatto di non doverti trasferire per specializzarti in quella che potrebbe essere la tua professione.

Quindi, ora che sai quali sono le criminologo mansioni non ti resta che scegliere da dove partire e compilare il form per avere ancora più informazioni sul master!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali