informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che compiti ha l’amministratore delegato: cosa devi sapere

Commenti disabilitati su Che compiti ha l’amministratore delegato: cosa devi sapere Studiare a Crotone

Per chi non fa vita d’azienda non è facile capire che compiti ha l’amministratore delegato. Si è spesso convinti che sia una figura di grande potere, senza però comprendere che a quel potere corrisponde una grande dose di responsabilità. È pur vero che la figura professionale si sovrappone spesso alle qualità umane del professionista, che esistono amministratori delegati virtuosi e altri che stono passati alla storia come spietati e arrivisti. Ma non siamo qui per esprimere giudizi o pareri personali su nessuno, solamente per illustrarti più precisamente cosa fa un CEO.

Il profilo dell’amministratore delegato

Questa figura esiste in tutto il mondo, in tutti gli stati e prende un nome diverso a seconda della lingua di riferimento. Da noi si chiama così, ma altrove prende questi nomi:

  • Chief executive officer in inglese
  • Directeur général in francese
  • Vorstandsvorsitzender in tedesco

Nonostante le diversità linguistiche il concetto resta lo stesso: il ruolo di direttore dell’azienda, che si trova a capo di un’organizzazione aziendale e del consiglio di amministrazione, soprattutto di società per azioni o comunque di qualsiasi altra realtà aziendale che abbia a tale figura delegato determinati problemi.

In Germania si applicano modalità diverse di governance nelle aziende, ossia vige un sistema dualistico in cui il consiglio di amministrazione si divide in due organi diversi:

  • Consiglio di sorveglianza
  • Consiglio di gestione

Ufficialmente la direzione dell’azienda è assunta da quest’ultimo organo e dal suo presidente, che corrisponde al nostro amministratore delegato. Di solito non può coincidere con il presidente del consiglio di sorveglianza.

Che compiti ha l’amministratore delegato in Italia

come essere un CEOIn Italia siamo abituati a chiamarlo anche manager. Perché quest’abitudine? Perché generalmente il capo del consiglio di amministrazione svolte il ruolo di management aziendale. Può essere uno soltanto, mentre ad altri possono essere affidate specifiche deleghe per la gestione di determinati settori e questioni, costoro vengono chiamati consiglieri delegati.

Spesso capita di fare confusione tra Amministratore delegato e il presidente del Consiglio di Amministrazione, quest’ultimo svolge un ruolo più di rappresentanza, è quasi una carica politica di garanzia, ma non di gestione.

Ci sono specifiche leggi che monitorano e disciplinano la figura dell’amministratore delegato. In particolare la materia è trattata dall’art.2381 del Codice Civile. L’articolo affronta diversi temi, tra cui:

  • Deleghe delle attribuzioni a comitato esecutivo
  • Limiti di esercizio della delega
  • Ruoli dell’amministratore delegato

Nel prossimo capitolo ci concentreremo proprio su questo punto.

Il ruolo e le funzioni dell’amministratore delegato

Prima abbiamo affermato che si tratta di un lavoro di grossa responsabilità. Ci teniamo a ribadirlo. Magari ti sei iscritto ad un corso di laurea in economia sperando che potesse aprirti le porte di un facile guadagno, una volta raggiunto il vertice di un’azienda. Sì, può anche darsi che gli stipendi siano ottimi, ma c’è una controparte di pressione e stress che forse non hai considerato. Valuta bene.

Ecco cosa ti aspetta una volta che sarai riuscito a diventare amministratore delegato:

  • Valutazione dell’assetto organizzativo aziendale
  • Gestione dell’amministrazione
  • Gestione e pianificazione della contabilità
  • Analisi dei piani strategici
  • Progetti di fusione e scissioni con altre società

E molto altro. Ovviamente sarebbe impensabile per una sola persona reggere tutto questo carico di impegni. Molto spesso i CEO (chief executive order) delegano molte materie a specialisti che formano i reparti, in cui elaborano tutti i passaggi e si eseguono concretamente le azioni strategiche. All’amministratore spetta il compito di essere sempre informato, di valutare attentamente, di avere sempre ben chiaro quello che sta accadendo nella sua azienda.

Anche in Italia può essere applicato il sistema dualistico di cui abbiamo parlato per la Germania in cui la gestione è in mano al consiglio di gestione, con tutte le possibili deleghe del caso ai vari componenti secondo le regole previste dal codice civile italiano.

Le differenze tra amministratore delegato e direttore generale

Non è sempre detto che in un’azienda vi sia la figura di direttore generale. Ma qualora ci fosse ha compiti diversi. Ad esempio:

  • Capo dei direttori e dei manager
  • Compiti direttivi e non operativi
  • Subordinazione all’amministratore delegato

Ha comunque molta importanza per la vita aziendale, ma è un dirigente e come tale risulta dipendente dall’azienda. Forse è questa la più significativa differenza. L’amministratore delegato proprio per sua definizione non è dipendente, ma risponde solo ai soci e agli azionisti.

Per diventare CEO bisogna studiare, tanto. Non sarà una passeggiata, ma la tua vita universitaria può aiutarti a maturare le competenze di analisi e gestione che ti aiuteranno a fare carriera.
Il tipo di laurea dipende dal settore in cui vuoi lavorare, se desideri lavorare nel mondo dell’edilizia puoi scegliere un corso di laurea in Ingegneria, oppure ovviamente in Ingegneria gestionale. Come abbiamo detto prima anche una laurea in Economia è un buon punto di partenza.

Sembrerà strano ma esistono anche amministratori delegati non laureati. Com’è possibile? Forse le loro abilità vanno oltre quelle ufficializzate da una pergamena di laurea, fatto sta che si tratta di eccezioni molto rare e che al giorno d’oggi è impensabile non fare prima una carriera universitaria.

Allora adesso all’opera, mettiti sotto fin da subito per raggiungere il lavoro che stai sognando.

L’università Niccolò Cusano ti permette di iscriverti a molti corsi di laurea on line ottimizzando tempo e fatica, per ottenere un titolo di studio accademico riconosciuto e valido fin da subito nel mondo del lavoro.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali